Le fate del bosco

vintage-1721929_640

Anche quell’anno in primavera

le fate del bosco fecero fiorire

le primule che si trovarono, così,

abbracciate alle odorose verbene

ed all’edera sfrontata e vigorosa.

E quello stesso giorno il sole

riprese a vegliare su di te e raccolse

nella sua luce il tuo sconforto.

Lo trasportò lontano oltre

le terre infuocate, attraversando

la barriera di quelle ombre bizzarre

che si accatastavano scomposte

lungo i pontili scardinati di quel

maleodorante ed ombreggiato porto.

E fu un’aurora ardente

quella che capovolse il sole

ed albeggiò inebetita e luminosa

circondando ed intrecciando,

con puntiglio, la tua chioma

morbida e scontrosa.

La farfalla

 

farfa

Respingi con violenza

quella vulnerabile pazzia

che si addensa e poi

si insinua morbida ed impetuosa

nelle feritoie della tua

sgarrupata ed avida fantasia.

Sbattila su quell’arido selciato

inaridito dal passaggio

di quelle turbolenti emozioni

che, assetate, hanno assorbito

ogni umido languore ed arginato

il ricordo del tuo selvaggio rancore.

Riscopri quel dimenticato torpore

che, ansimando ritmicamente,

si infrange contro all’indelebile rossore

che tinge le bianche ali

di quella fremente farfalla,

mentr’essa singhiozza contrita

sulla tua fragile e tremante spalla.

Amore fra gli amori

Risultati immagini per mani nel vento

Non perdonare questo amore

che tra gli amori perduti

resta nascosto da sempre

acquattato dietro alle foglie di lentisco

che assonnate brillano sotto al sole.

 

Non odiare questo amore

che non comprende l’amore

perchè non è abbastanza fragile

perchè non è abbastanza svelto

a cogliere quel piccolo dettaglio

che forma e copre il tuo tormento.

 

Lascia che io non veda,

lascia che io non senta

e stringimi forte finchè

come due nocchieri

in mezzo alla tormenta

ci accorgeremo che era solo un’illusione

e non abbiamo mai posseduto una vela

e forse neanche il vento.

 

Accarezza allora lentamente

le rughe profonde del mio volto

e disprezza queste mani

che non hanno saputo guardare

nè afferrare qualche volta

il tuo inquieto ed irraggiungibile sogno.

 

 

 

 

 

 

Occhi di mare nel mare

Risultati immagini per occhi azzurri nel mare

 Occhi di mare nel mare
mentre piccoli ed  enigmatici elfi
si dondolano assorti
sulle alghe leggere e fluttuanti
nel fondo chiaro e lunare.

 

Occhi di cielo nel mare
che  scrutano piccole
 sagome  immaginarie
mentre  briose inseguono
flebili tracce confuse,
disegnando ed intrecciando
tracciati tortuosi e  binari.

 

Occhi azzurri disciolti nel mare
che accumula e sbatte impietoso
detriti di sabbia petrosa
e sorride  ad un’onda  furiosa
mentre di scatto si arrotola,
 si blocca ed infine  si  mette,
tremolando, mollemente  in  posa.

 

Notte scura

IMG_20180320_134532

 

Correre e volare

verso l’incanto

del sentiero scosceso

che accompagna

al dirupo sconquassato

mentre la luna solitaria

soffia scapigliata

sulle nuvole riottose e stanche.

 

Correre e sognare

verso braccia sconosciute e sicure

che accolgono e cullano

quel pensiero persistente

mimetizzato tra le foglie arse

che cadono a fiotti dall’albero

sulla famelica e fredda collina.

 

Correre e pensare di amare

mentre le vertigini del sogno

soccorrono i respiri che

come rantoli volontari

si spezzano contro

alla corteccia tagliente

di questa immensa

e torbida notte scura.

 

Per quell’attimo

bty

Per quell’attimo di amore

che non vuoi afferrare

perchè ti aspetti ostinatamente

che io sappia ancora dare.

 

Per quell’attimo di gioia,

diluito in mezzo al niente,

che fluisce stanco

e si rivolta ebbro

dentro al tuo presente.

 

Per quell’attimo di noia

che decora la mia mente

mentre ti stringo forte,

colpisco duro contro il cuore

e poi chiudo gli occhi

e non mi accorgo più di niente.

 

Giorni perduti

dipinto-treccia

Giorni perduti

ingannando il tempo

che attendeva disteso

ed attorcigliato

ai rami dolenti

come se non avesse

più speranza

di ritrovarci ancora uniti.

Tempo perduto,

tempo rubato,

tempo braccato

dalla tua voglia

di sentirti

dolorosamente

già smarrito o forse

solo per sempre,

lungo i binari della vita,

già deragliato.

Fiori di melograno

dipinto-occhi-blu

Vieni con me

sul fiume di erba verde

e profumata

che tremando galleggia

nel vento imbronciato.

Respira con me

mentre il preludio

degli echi della vallata

fa tintinnare l’orizzonte

inghiottito, a poco a poco,

dal buio della notte

che avanza a tentoni.

Resta con me

e non assopire mai

la mia anima solitaria

che continua

ad impaurire il giorno

ed impedisce ad ogni alba

di spuntare tra i dolci petali

dei rossi fiori di melograno.