Un alto carico di stress scollega la razionalità

Quando l’uomo percepisce uno stimolo che può essere fisico, sociale o endogeno si attiva un complesso meccanismo che dall’ippotalamo del cervello coinvolge l’insieme dell’organismo tramite ormoni e neurotrasmettitori.

Quando è richiesto un impegno si attiva l’asse dello stress che diventa negativo solo se supera la capacità dell’individuo di affrontarlo. Se invece il carico di stress è basso il sistema nervoso libera adrenalina e noradrenalina e le ghiandole surrenali ricevono l’ordine di produrre cortisolo. In piccole quantità queste molecole consentono di mantenere concentrazione, migliorano la memoria e stimolato il sistema immunitario.

Lo stress può diventare insostenibile se è eccessivo poiché gli alti livelli di cortisolo, che resta sempre in circolo, finiscono per atrofizzare le parti più razionali della corteccia e finiscono per inibire ogni tipo di controllo e gli istinti si scatenano. Quindi si mangia o si beve in eccesso o si fanno acquisti compulsivi nei negozi.

La corteccia prefrontale umana è più grande rispetto a quella di tutti gli altri primati e matura per ultima, dopo i 20 anni di età. Qui si trovano i circuiti neurali del pensiero astratto ed è la sede dove vengono inibiti i pensieri e le azioni non appropriati.

Restare sotto pressione per periodi molto prolungati fa sì che le connessioni tra i neuroni della corteccia cerebrale diminuiscano minandone l’efficienza. Quando il periodo di pressione diventa troppo lungo i danni non vengono più riparati del tutto e le persone sono più vulnerabili a stress successivi e sviluppano disturbi d’ansia o depressione.

E’ più facile sviluppare questi disturbi durante l’adolescenza e l’età avanzata per ragioni fisiologiche e psicologiche. Gli adolescenti perché si affacciano alla vita, gli anziani perché la stanno concludendo e quindi sono in fasi psicologicamente molto impegnative. Naturalmente vi sono persone più predisposte di altre ad avere reazioni di ansia o depressione se sottoposte a stress.

Lo stress cronico altera inoltre il ritmo sonno- veglia, rende le persone più soggette a ulcere gastriche, asma, diabete e disturbi cardiaci oltre ad abbassare le difese immunitarie diminuendo la risposta antivirale e ad accelerare i tumori. Ha come effetto anche l’accorciamento delle estremità dei cromosomi e quindi della vita delle cellule pertanto il benessere psicologico è di fatto un potente farmaco per il corpo umano.

3 pensieri su “Un alto carico di stress scollega la razionalità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...