Roma nella lingua romena

Nel 101 d. C. un grande esercito romano, comandato dal generale Traiano, si mise in marcia per conquistare la Dacia che, essendo una regione di frontiera, serviva a Roma per impedire le invasioni dei barbari. Era prevista la conquista della regione e la sottomissione dei popoli che l’abitavano e poi l’invio di numerosi coloni romani nella zona.

Dopo 5 anni di guerra la Dacia divenne un’altra provincia romana e i rapporti fra i daci ed i romani furono buoni ma, dopo 150 anni di tranquillità, cominciarono ad affluire senza sosta i barbari e così nel 274 l’esercito romano abbandonò la Dacia e per centinaia di anni Goti, Gepidi, Unni e Avari distrussero e depredarono la regione.

Nel VI secolo d. C. numerose tribù di Slavi occuparono due zone della Dacia: la Transilvania e la Valacchia e si fusero con la popolazione dacio-romana, dando origine all’attuale popolazione.

La lingua ufficiale della Romania è il romeno, una lingua neolatina appartenente alla famiglia delle lingue romanze, imparentata con altre lingue dello stesso gruppo parlate da oltre 800 milioni di persone in tutto il mondo, principalmente in America ed in Europa. La lingua scritta è il dacoromeno e la prima annotazione scritta del dacoromeno risale al 1521.

Fra tutte le lingue romanze, il romeno presenta un’evoluzione maggiormente naturale e popolare poiché non è stata interrotta nel suo sviluppo da una letteratura classica in senso stretto. Questo spiega, fra l’altro, il fatto che questa lingua possieda una quantità importante di vocaboli e forme latine che nelle altre lingue romanze non esistono più. Al contrario delle altre lingue romanze, il rumeno presenta infatti il neutro e la declinazione dei sostantivi in casi, molto fedele alla declinazione latina originaria.

Il romeno ha più dialetti simili alla lingua ufficiale, ma le differenze non sono molto forti in quanto cambia spesso il suono di alcune vocali prendendo una forma gutturale o vi è l’aggiunta di una vocale. L’alfabeto è composto da 31 lettere, quattro delle quali (k, q, w, y) si trovano solo in parole di origine straniera e le lettere ă, â, î, ș e ț sono considerate autonome, a sé stanti.

L’italiano, come tutte le lingue romanze occidentali, è stato fortemente influenzato dalle lingue germaniche parlate dai barbari mentre nel rumeno tale influsso è stato quasi assente, sostituito da un massiccio apporto dalle lingue slave.

Il rumeno parlato oggi contiene quindi non solo aspetti della lingua latina, ma anche aspetti e sopratutto parole di origine slava, greca, turca, ungherese ed albanese. Italia e Romania hanno comunque un forte legame di affinità ed analogie a cominciare dall’origine del nome “Romania” dal latino “romanus”, vale a dire “romano”.

Due stati, due popoli distanti rimasti sconosciuti l’uno all’altro, dalle grandi diversità economiche e sociali, ma con nelle vene ancora parte degli stessi geni. L’influenza della colonizzazione Romana del 106 d.c., è stata sicuramente determinante e si rileva l’incredibile somiglianza nel linguaggio dalle origini neolatine tanto che sentendo parlare le due lingue, non è poi così difficile afferrare e comprendere qualcosa di quel che si dice.

4 pensieri su “Roma nella lingua romena

  1. L’ha ripubblicato su Ned Hamson's Second Line View of the Newse ha commentato:
    Google translation of introduction: Rome in the Romanian language – In 101 d. C. a large Roman army, commanded by General Traiano, set out to conquer Dacia which, being a frontier region, served Rome to prevent invasions by the barbarians. It was foreseen the conquest of the region and the subjugation of the peoples who lived there and then the dispatch of numerous Roman settlers to the area. After 5 years of war, Dacia became another Roman province and relations between the Dacians and the Romans were good but, after 150 years of tranquility, the barbarians began to flow without stopping and so in 274 the Roman army abandoned Dacia and for hundreds of years Goths, Gepids, Huns and Avars destroyed and plundered the region.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...