Il cenerino, il migliore pappagallo parlante

Il cenerino (Psittacus erithacus) è un pappagallo nativo dell’Africa di taglia medio-grande dal colore grigio, quasi simile a un piccione, ma con una splendida coda rosso brillante o marrone ed occhi arancioni dallo sguardo intelligente.

È un uccello dal carattere molto sensibile e la sua sviluppata intelligenza può portare a problemi comportamentali se non gli vengono dati gli stimoli e l’ambiente di cui ha bisogno. Da amorevole e giocoso può diventare esigente e scontroso il momento successivo.

Quando non è in un ambiente stimolante o viene lasciato troppo solo, può diventare nervoso e incline all’autodeplumazione e, una volta che questi problemi si presentano, poi sono difficili da risolvere.

Nonostante il carattere socievole e la necessità di tantissime attenzioni, il cenerino non ama essere troppo coccolato e non apprezza il contatto fipsico intenso, ma ama imparare esercizi in compagnia delle persone.

Attraverso gli occhi, la postura e le reazioni fa capire molte cose sul suo stato d’animo e su ciò di cui ha bisogno o desidera. È normale che un cenerino scuota la testa o sbadigli poiché di solito significa semplicemente che è stanco oppure che ha qualcosa bloccato in gola, come per esempio un seme o pezzo di cibo.

A volte strofina la mandibola con la mascella producendo un lieve rumore e questo è un segno di contentezza e di solito succede quando il pappagallo sta per addormentarsi. Se emette un verso simile ad un ringhio, o se ha le penne appiattite sul corpo, significa invece che è spaventato.

Il cenerino, come altri pappagalli, sa controllare le iridi ed è possibile osservare le pupille dilatarsi e restringersi rapidamente, in inglese questo viene chiamato pinning.

Se il suo corpo è rilassato e le pupille si aprono e chiudono rapidamente, di solito significa che è interessato o concentrato verso qualcosa. Quando invece le piume sono gonfie e avviene un pinning ad occhi stretti, significa che il pappagallo è arrabbiato o spaventato e probabilmente beccherà se disturbato. Quando poi ondeggia la testa, allunga il collo e rigurgita sta mostrando amore e affetto.

Il cenerino è un pappagallo molto intelligente, tanto che alcuni esemplari hanno dimostrato, nello svolgere alcune attività, dei livelli cognitivi pari a quelli di un bambino di 4-6 anni.

Gran parte del suo fascino deriva dalle sue capacità di imitare la voce umana poiché è il migliore pappagallo parlante in assoluto in grado di ripetere parole e frasi anche dopo averle sentite solo una volta o due. Sa sviluppare un vocabolario eccezionale e anche comprendere ciò che si sta dicendo per cui, ripetendo spesso ciò che sente, può creare spiacevoli inconvenienti.

Questo pappagallo è anche abile a ripetere suoni che gli piacciono tra cui porte cigolanti, bip del computer o del microonde, allarmi antincendio e suonerie del telefono.

Il cenerino si diverte molto ad arrampicarsi, ad ottenere il cibo tramite ingegnosi giochi, a partecipare a sessioni di addestramento e, come tutti i pappagalli, a rosicchiare e distruggere cose. Apprezza anche il suono di una televisione o radio come sottofondo.

Fare il bagno è importante per la sua salute e la qualità del piumaggio, gli uccelli in natura si bagnano sotto la pioggia, e durante la muta sente molto prurito a causa delle nuove penne che si sviluppano quindi, se possibile, in questa fase dovrebbe fare il bagno più spesso.

In natura l’istinto del cenerino, così come di molti altri uccelli, è quello di nascondere i segni di malattia in modo da apparire sano ai predatori e al suo stormo per cui spesso nasconde i sintomi di malessere fino a quando le condizioni non sono davvero gravi.

Può avere problemi di respirazione, depressione cronica, perdita di peso e questi sintomi possono essere causati da aspergillosi, infezioni batteriche, polmonite, carenze nutrizionali (ipovitaminosi A), inalazione di tossine. Anche l’autodeplumazione e automutilazione possono essere causati da problemi fisici e comportamentali mentre il cattivo stato del becco e delle penne sono i tipici sintomi della PBFD, una malattia mortale e altamente contagiosa che si trasmette per via aerea.

Nei pappagalli il becco e le unghie crescono molto perché in natura vengono consumati mangiando, arrampicandosi e interagendo con l’ambiente e quindi bisogna fornigli giocattoli da distruggere perché altrimenti queste parti del corpo, eccessivamente sviluppate, gli rendono difficile mangiare, arrampicarsi, camminare e rimanere appeso.

Il cenerino è soggetto alla carenza di vitamina A, vitamina D e calcio e tende all’obesità e per questi motivi dovrebbe mangiare verdura ad alto contenuto di beta-carotene come le patate dolci cotte, le carote e il cavolo fresco per la vitamina A, mentre per la vitamina D dovrebbe mangiare verdure a foglia verde e godere dell’esposizione alla luce solare non troppo forte.

6 pensieri su “Il cenerino, il migliore pappagallo parlante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...