I Quaccheri detti “i tremanti”

 

I  Quaccheri, o la Società degli Amici, sono i fedeli di un movimento cristiano nato nel ‘ 600 in Inghilterra appartenente al calvinismo puritano che in origine si definivano “figli della Luce”.

George Fox (1624-1691), apprendista calzolaio, iniziò a predicare nel 1649 in Inghilterra la dottrina radicale della “luce interiore” che attirava numerosi seguaci chiamati “Friends”. Il termine “quaccheri” (dal verbo to quake, “tremare”) deriva, forse, dal tremito mistico che scuoteva i seguaci di Fox durante le loro riunioni.

I quaccheri credevano nella “luce interiore” presente in ogni uomo e perseguivano un ideale sociale egualitario e pertanto si rifiutavano di togliere il cappello di fronte alle Autorità e praticavano la sobrietà negli abiti, il divieto del teatro e di altri divertimenti.

Nelle loro prime riunioni non avevano riti e si dedicavano esclusivamente ad attendere, in silenzio, l’ispirazione di Dio che poteva spingere qualcuno a prendere la parola o ad avere, in occasioni più rare, manifestazioni mistiche come i “tremiti”.

La fraternità per i quaccheri non era soltanto una scelta spirituale o una disposizione psicologica da praticare nei rapporti interpersonali, ma investiva anche l’ambito dei rapporti politici e doveva essere struttura fondante di una nuova comunità civile e religiosa. La convinzione che ogni uomo reca in sé potenzialmente qualcosa di divino determina la naturale fraternizzazione di tutti i rapporti. Da qui il rifiuto della violenza e della guerra e di ogni aggressione all’ integrità fisica o psichica del prossimo ed una forte esigenza di democrazia.

Per questi atteggiamenti i quaccheri furono perseguitati, in particolare nel periodo della restaurazione Stuart, e circa tredicimila furono imprigionati. Questa dottina sopravvisse grazie all’elaborazione teologica di Robert Barclay (1648-1690) e alla conversione dell’aristocratico William Penn (1644-1718), figlio di un ammiraglio inglese che fondò poi la colonia americana chiamata Pennsylvania in cui dal 1682 giunsero i quaccheri che lasciavano l’Inghilterra. Sembra che l’esodo sia stato di tali proporzioni che nel 1700 la comunità religiosa quacchera era la più grande del Nuovo Mondo.

Lo Stato quacchero durò circa settant’anni e poi si concluse perché, praticando la Pennsylvania la libertà d’immigrazione, i quaccheri finirono per diventare minoranza nel loro stesso Stato. Il Parlamento di tale stato decise ad un certo punto anche l’istituzione di un contingente militare che era contrario al tradizionale pacifismo dei quaccheri  snaturando così la fisionomia originaria dello Stato.

In seguito, i Quaccheri persero il potere politico che avevano acquisito in particolare sempre per l’ostinato rifiuto di favorire qualunque iniziativa militare anche se difensiva. Nell’Ottocento essi patirono internamente inoltre dapprima uno scisma liberale (gli hicksiti) e poi uno scisma conservatore (i wilburiti).

Anche se agli Stati Uniti daranno due presidenti, Herbert Hoover (1874-1964) e Richard Nixon (1913-1994), tra l’Ottocento e il Novecento iniziarono una intensa opera missionaria tanto che il gruppo oggi più numeroso si trova in Africa Orientale.

Il meeting mensile è ancora la loro riunione fondamentale di culto e nelle congregazioni più tradizionali è ancora silenzioso mentre è più vicino al culto protestante nelle altre. Il  meeting trimestrale inoltre riunisce più congregazioni di una medesima area geografica e infine il meeting annuale riunisce tutti i quaccheri di una determinata zona più ampia.

Il principio fondamentale è quello che tutti i fedeli sono ministri e la vera religione consiste nell’incontro personale con Dio più che nel rito e nelle cerimonie poichè la “luce interiore” (inner light) da Gesù Cristo, attraverso lo Spirito Santo, raggiunge direttamente ogni uomo in ogni tempo. Da quel momento la “luce” guida i passi di ciascuno spingendolo al bene.

Trasformato dallo “Spirito interiore”, il quacchero ha formato Cristo in se stesso, ma deve essere fedele a questa “nuova nascita” attraverso un comportamento coerente, le buone opere, l’impegno per la giustizia e per la pace. Oggi numerosi gruppi adottano il “culto programmato” guidato da un ministro, spesso non a tempo pieno, con un uso maggiore della Bibbia ma ognuno pensa che  la sua vita spirituale sia guidata dalla “luce interiore”, non da un’autorità esteriore o da un pastore.

I Quaccheri in America storicamente si sono impegnati molto in varie battaglie in campo sociale come l’abolizione della schiavitù, l’estensione dell’istruzione popolare e le riforme nelle carceri e nei manicomi. Il movimento inoltre anche nella prima e seconda guerra mondiale, si distinse per l’opera di assistenza tanto da conquistare il premio Nobel per la Pace nel 1947. Ha esercitato un importante influsso sul pensiero del filosofo statunitense Ralph Waldo Emerson.

6 pensieri su “I Quaccheri detti “i tremanti”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: