Françoise “Athénaïs” de Rochechouart, marchesa di Montespan

Image result for Françoise "Athénaïs" de Rochechouart, marchesa di Montespan

Françoise “Athénaïs” de Rochechouart, marchesa di Montespan (1640 –1707), è stata la più famosa favorita del re Luigi XIV di Francia al quale diede sette figli. Fu chiamata «la vera Regina di Francia» perchè durante la loro relazione ebbe grande influenza a corte e perchè è l’antenata delle case reali di Spagna, Italia, Bulgaria e Portogallo.

Françoise, che adottò il nome di “Athénaïs”, discendeva da antiche e nobili famiglie francesi e da  giovane aveva viaggiato e frequentato la corte. All’età di dodici anni, iniziò la sua istruzione  presso il Convento  dove già si trovava sua sorella Gabrielle.

A vent’anni divenne una damigella d’onore della cognata del re la Principessa Enrichetta d’Inghilterra e poi dama di compagnia alla moglie del re, Maria Teresa d’Austria. Nel 1663 sposò Louis Henri de Pardaillan Marchese di Montespan (1640–1701) dopo che il fratello, suo precedente  fidanzato, era stato ucciso in un duello.

Era una donna molto bella e una conversatrice divertente, sempre al corrente dei più recenti avvenimenti politici e pettegolezzi per cui usando la sua intelligenza e il suo fascino, anche se già madre di due figli, riuscì a diventare l’amante di Luigi XIV al posto di Louise de la Valliere.  Affidò la prima dei sette figli che ebbe dal re, nata nel 1669, all’amica Madame Scarron, poi marchesa di Maintenon, che divenne peraltro nel 1684 sposa morganatica del re.

Nel 1673 tre figli illegittimi della coppia furono legittimati da Luigi XIV con il cognome reale di de Bourbon. Il nome della madre, però, non fu menzionato nei documenti perché ella era ancora sposata e, se la maternità fosse stata rivelata, il marchese di Montespan avrebbe potuto rivendicare i figli come propri. Solo nel 1674 fu dichiarata la separazione legale dei coniugi.

Madame de Montespan trascorreva la maggior parte del tempo nelle attività di corte e pertanto i figli ebbero pochi contatti con la madre e trascorsero la maggior parte della loro infanzia con Madame Scarron.

Quando l’affetto di Luigi XIV cominciò ad affievolirsi, ella fu sospettata di aver fatto ricorso alla magia nera per riconquistarlo e di aver cercato di  avvelenare potenziali amanti del re, anche se la sua  principale avversaria fu la Chiesa Cattolica. Nel 1675 il sacerdote Lécuyer infatti rifiutò di darle l’assoluzione, in quanto peccatrice, necessaria per ricevere la comunione del giorno di Pasqua.

Dopo una breve separazione, il sovrano e Madame de Montespan ripresero la loro relazione ed ebbero altri due figli ma la nuova storia d’amore tra Luigi XIV e la Duchessa di Fontanges portarono alla crisi anche se la nuova amante morì nel 1681 con il sospetto che potesse essere stata avvelenata.

Tuttavia l’Affaire des Poisons, scoppiato nel 1677, segnò l’inizio della fine del regno di Madame de Montespan anche se il suo coinvolgimento non è mai stato provato. Si raccontava però che nel 1665 avesse più volte visitato la cosiddetta strega Catherine Monvoisin, nota come La Voisin. Ma la Voisin asseriva di averle venduto soltanto dei filtri d’amore preparati con ingredienti repellenti destinati a Luigi XIV, per  conquistare e riconquistare l’amore del re.

Nel 1666 Madame de Montespan fu accusata anche di aver consentito a un sacerdote, Etienne Guibourg, di celebrare una messa nera sul suo corpo nudo, in una cerimonia che prevedeva anche il sacrificio di un bambino.

Fu accusata inoltre di aver cospirato per uccidere il re ma la maggiore indiziata sembrava essere la cameriera Mademoiselle Desœillets, che aveva avuto un figlio illegittimo dal re, mai riconosciuto. Si riteneva anche che Olimpia Mancini, contessa di Soissons ed ex amante del re, fosse implicata nel complotto.

Perso definitivamente il favore del re nel 1691, Madame de Montespan si ritirò in un convento a Parigi, con una pensione di 800.000 luigi accordati da Luigi XIV, trascorrendo gli ultimi anni di vita in penitenza e morì nel 1707 a sessantasei anni. Soltanto i suoi tre figli più giovani provarono  dolore per la sua morte mentre il maggiore dei figli avuti dal re, il duc du Maine, non riuscì a nascondere la sua gioia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...