Il siero della verità: dalla cura alla tortura

Image result for il siero della verità

Il siero della verità  viene usato per ottenere informazioni da soggetti che non possono o non vogliono fornirle inducendo la persona in uno stato di tranquillità e rilassamento che aumenta la “franchezza” cioè la disponibilità a parlare. In genere si utilizza un barbiturico, il cui principio attivo è il tiopentale sodico.

Questi farmaci, per lo più soluzioni iniettabili, sono diffusi anche prima degli interventi chirurgici come preanestetico per calmare i pazienti prima di sottoporli ad anestesia vera e propria. Sono utilizzati inoltre per  i pazienti affetti da forme di amnesia, di mutismo o di blocco del linguaggio di origine psicologica. I soggetti sono indotti in uno stato prossimo al sonno che rende molto più semplice la psicoterapia o la narcoanalisi utili a procurare informazioni per formulare una diagnosi o per fornire ai pazienti una tregua funzionale. Questo utilizzo è stato documentato per la prima volta dal Dr. William Bleckwenn nel 1930 .

Il sodio tiopentale fu impiegato anche durante l’attacco nipponico alla base navale statunitense di Pearl Harbor nel dicembre 1941. Utilizzato come anestetico sui soldati feriti, venne somministrato in dosi eccessive e finì per uccidere un gran numero di militari.

Secondo il diritto internazionale, l’utilizzo di questi preparati è classificato come una forma di tortura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...