Grigorij Efimevic Rasputin

Risultati immagini per rasputin

Grigorij Efimevic Rasputin, chiamato in famiglia  Grisha, era nato nel 1871 in un  piccolo villaggio siberiano vicino ai monti Urali. Adolescente, durante un attacco di febbre, ebbe una visione e, secondo le sue parole, gli apparve la Madonna che gli parlò e lo guarì.

Da quel momento Rasputin incominciò ad interessarsi alla religione ed in particolare agli “Starec” monaci e profeti erranti che allora venivano accolti con grande rispetto nei villaggi russi. Sposato a vent’anni dopo la morte del figlio a pochi mesi dalla nascita, cadde in un periodo di depressione dalla quale guarì grazie ad un’altra apparizione della Madonna, che gli ordinò di lasciare tutto e di partire.

Trasformato in Starec, venne a contatto con esponenti di una setta considerata illegale, ma molto popolare in Russia: i Chlisty. Questa setta era  critica nei confronti della Chiesa ortodossa ufficiale accusata di corruzione e decadentismo.

La visione religiosa dei chlisty era molto particolare: l’uomo avrebbe potuto purificarsi dal peccato solo abbandonandovisi totalmente e, attraverso il pentimento che ne sarebbe seguito, ascendere alla catarsi. Fisicità e religiosità si sposavano in questo credo che faceva del rito erotico e delle congiunzioni carnali, anche di gruppo, una delle sue caratteristiche fondamentali.

Lo sguardo intenso e allucinato con qualcosa di magnetico di Rasputin avevano una grande presa sulla gente, le sue parole, nella semplicità di un’analfabeta, erano convincenti e la fama di uomo santo si diffuse e così egli entrò in contatto con le figure più eminenti della chiesa russa e poi, attraverso il mondo dei pope ortodossi, venne accolto nei salotti dell’alta società.

Nel 1905 Rasputin, preceduto dalla fama di guaritore, venne ricevuto al Palazzo degli Zar dove riuscì misteriosamente ad arrestare il flusso di sangue che stava uccidendo il piccolo Alessio, figlio emofilitico dello Zar.

Seguendo la propria filosofia chlisty, si abbandonò ad ogni tipo di piacere, mantenendo però, in presenza della famiglia imperiale, una condotta irreprensibile atteggiandosi a tutore dello zarevic Alessio e suo protettore. I rapporti della polizia segreta sulla sua condotta vennero sempre considerati dallo Zar frutto di maldicenze .

Il monaco, pacifista convinto, cercò di opporsi alla prima Guerra Mondiale e, mentre lo Zar Nicola era al fronte, cercò di manipolare la Zarina Alexandra per portare la Russia alla pace. Con le sue manovre il monaco si fece nemici: la casta militare, l’aristocrazia nazionalista, la destra, ma anche l’opposizione liberale lo accusarono di tradimento a favore della Germania.

Una congiura di nobili decretò la fine di Rasputin che, attratto in una trappola, nella notte fra il 16 ed il 17 dicembre 1916 venne prima avvelenato , poi sparato con un colpo di pistola al cuore, infine abbattuto a randellate ed il suo corpo gettato nella Neva. Sembrava non volesse morire mai.

La zarina Alessandra accolse con disperazione la notizia, ma lo zar Nicola tenne un  atteggiamento tale che, tenuto conto che tra i congiurati c’erano nobili imparentati con la Corona, nessuno venne punito per il delitto.

Quando la notizia della morte di Rasputin si diffuse gli assassini vennero considerati dalla nobiltà eroi che avevano salvato la Russia dall’influenza di Alexandra, di discendenza germanica, e del folle monaco Rasputin.

Invece i contadini considerarono l’omicidio del monaco come l’ennesimo sopruso ai danni del popolo da parte degli aristocratici. La sua morte fu quindi la goccia che fece traboccare il vaso.

A soli tre mesi dalla morte di Rasputin, la famiglia reale fu imprigionata, molti membri furono arrestati e almeno venti fucilati sul posto. Meno di due anni dopo la morte del monaco pazzo, la famiglia reale veniva annientata.

Domanda: cosa significa in russo Rasputin?

10 pensieri su “Grigorij Efimevic Rasputin

  1. I contadini stavano coi rivoluzionari, non con quel mistico pazzo.
    Rasputin faceva il doppio volto (col potere e col popolo) ma era un demagogo come lo Zar, se non peggio.
    W la Rivoluzione 😉

    "Mi piace"

  2. Rasputin era con ogni evidenza un beone, un po’ squilibrato ed anche un erotomane ma parte del popolo, allora peraltro quasi del tutto analfabeta, lo amava (vedi foto aggiunta). Aveva girato molto per le campagne e si era fatto la fama di santone e profeta rappresentando anche la figura dello sciamano che era profondamente radicato, e lo è tutt’ora in alcune zone, nella cultura popolare. Questo non vuol dire che fu un precursore o influenzò le lotte rivoluzionarie, sicuramente fu odiatissimo dall’aristocrazia per l’influenza che esercitò sui Romanov e perchè anti-interventista.Rasputin probabilmente viene dalla parola rasputa che in russo significa immorale,depravato.Su avanti..facciamo dell’altra polemica….ahhhh!!!

    "Mi piace"

    • Era un demagogo e non ha influenzato nulla. Ti piace fare revisionismo eh? Tipico di certi italici 😛
      Era odiato e amato dall’aristocrazia. Ricordati che gran parte dei privilegi dei Romanov erano stati ottenuti (rubando certo) grazie a lui.
      L’aristocrazia se lo trovò contro alla fine. Era un criminale, come lo Zar.
      Era proprio Rasputin a tenere tutti in miseria, proprio come lo Zar. Mentre lo Zar era palesemente contro la gente, Rasputin si mascherava.

      Non mi sfidare in Storia, lo dico per te. 😀

      "Mi piace"

    • La Coscienza rivoluzionaria destò le Coscienze del popolo, giustamente. Rasputin venne poi considerato come una delle tante facce del potere, dunque contro la Rivoluzione.
      Chi ama Rasputin, oltre che ignorante è la tipica persona che ha bisogno di un pastore per vivere bene.

      "Mi piace"

  3. Certo che i chlisty l’avevano proprio pensata giusta eh? Io apprezzo quelli che fanno le cose senza nascondersi dietro alibi fasulli. Si abbia il coraggio delle proprie azioni! 😉 Che fine terribile, Rasputin, non sapevo fosse principalmente per il suo pacifismo.

    "Mi piace"

  4. Effettivamente i Chlisty erano proprio dei furbacchioni che facevano i santoni ispirati!!!!Rasputin era odiato dai nobili per l’influenza che esercitava a corte in particolare sulla zarina. Nessun uomo voleva spartire la torta con un villico siberiano.Le donne aristocratiche invece pagavano le cameriere per avere i suoi indumenti intimi.e peraltro pare che non si lavasse molto!!!!

    "Mi piace"

    • Ah ah, queste passioni per gli indumenti usati dai propri idoli non l’ho mai capita, a me farebbero un po’ schifino comunque ^^ E per fortuna se uno piace a tutte non mi innamoro e non mi interessa, al limite posso diventargli amica. Amica di Rasputin però non credo 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...