Un secolo di jazz. La creatività estemporanea.

Fino al 30 aprile 2017 a Spazio Officina di Chiasso  la mostra:

“Un secolo di jazz. La creatività estemporanea”.

La mostra  celebra, in occasione dei cento anni dalla prima incisione jazz, un fenomeno culturale e sociale dirompente che ha segnato una nuova epoca.
Per elaborare la veste grafica di cover e poster di concerti jazz, furono coinvolti  giovani artisti, grafici e illustratori che metteranno a punto soluzioni cromatiche e compositive innovative e che diventeranno poi noti a livello internazionale: da Josef Albers a Niklaus Troxler, da Andy Warhol a Guido Crepax.

In mostra oltre 300 cover, manifesti, libri, riviste, grammofoni dell’inizio del Novecento, un fonografo, un raro registratore a bobine, spartiti e edizioni divenute celebri, foto dei grandi personaggi del jazz, epistolari, spezzoni di film dove si suona e si balla il jazz, il primo disco jazz del 1917 e la prima registrazione in Svizzera con una jazz band svizzera (1929).

Fra le chicche: il clarinetto di Paul “Polo” Barnes, il tamburo di Ray Bauduc della Bob Crosby’s Orchestra, i piatti della batteria di Shelly Manne, il banjo di Fabio Turazzi e la fisarmonica di Gorni Kramer.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...