Ave atque vale

Risultati immagini per immagini notte paurosa

Il passaggio dal dì alla notte e viceversa non avviene repentinamente: infatti prima di apparire all’orizzonte, il Sole manda i suoi raggi agli alti strati dell’atmosfera che li rimanda a noi dandoci il chiarore mattutino, cioè l’aurora.
Così pure avviene durante il tramonto ove, prima del sopraggiungere della notte, si ha il crepuscolo.

E così anche la nostra vita è un alternarsi di luce e di ombre. Forse più spesso di ombre come descritto nella poesia che avevo già postato….

SEE   YOU  SOON !!!

Notte scura

Correre e volare

verso l’incanto

del sentiero scosceso

che accompagna

al dirupo sconquassato

mentre la luna solitaria

soffia scapigliata

sulle nuvole riottose e stanche.

Correre e sognare

verso braccia sconosciute e sicure

che accolgono e cullano

quel pensiero persistente

mimetizzato tra le foglie arse

che cadono a fiotti dall’albero

sulla famelica e fredda collina.

Correre e pensare di amare

mentre le vertigini del sogno

soccorrono i respiri che

come rantoli volontari

si spezzano contro

alla corteccia tagliente

di questa immensa

e torbida notte scura.

Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

Risultati immagini per che fai luna in cielo

Un pastore errante si rivolge direttamente alla luna ponendogli diverse domande sulla vita e sull’ esistenza dell’ essere umano. Giacomo Leopardi sceglie di servirsi della semplice ed ingenua voce di un pastore, ritenendo quest’ultimo meglio di altri adatto ad interpretare l’ansia di conoscenza comune a tutti gli uomini e le domande che egli pone sono le domande che tutti gli uomini si portano dentro.

Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
silenziosa luna?
Sorgi la sera, e vai,
contemplando i deserti; indi ti posi.
Ancor non sei tu paga
di riandare i sempiterni calli?
Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga
di mirar queste valli?


……………………..

………………………

Paris at Night

 Risultati immagini per tre fiammiferi accesi prevert
Jacques Prévert, nato a Neuilly-sur-la Seine nel 1900 e morto a Omonville nel 1977, è stato un poeta e sceneggiatore francese.
La sua poesia è scritta per essere letta e ciò che esce con prepotenza è il concetto di amore come unica salvezza del mondo, un amore implorato, sofferto, tradito, ma alla fine sempre ricercato.
 
La breve poesia di Prévert “Paris at Night” esprime l’immensa emozione di certi momenti di felicità amorosa e, al tempo stesso, la loro estrema semplicità ed umiltà: tre piccoli fiammiferi bastano a illuminare l’amore.
Prévert la dedica a Parigi che in questi versi viene personificata in una donna,splendida e seducente, resa ancora più affasciante dalla luce fioca dei fiammiferi accesi nel buio della notte.
Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte
Il primo per vederti tutto il viso
Il secondo per vederti gli occhi
L’ultimo per vedere la tua bocca
E tutto il buio per ricordarmi queste cose
Mentre ti stringo fra le braccia.
Domanda: da quale libro è tratta questa poesia?